Depositare un marchio: perché conviene e cosa occorre fare

 

Vuoi depositare un marchio ma non sai da dove cominciare? Vorresti conoscere le procedure? Se decidi di depositare il tuo marchio scegli sicuramente di compiere un passo importante per tutelare l’immagine del tuo prodotto/servizio.

 

Depositare un marchio: si ma di che tipo?

Prima di vedere i passaggi necessari per depositare il marchio, però, è importante specificare che i marchi di dividono in due categorie di base.

 

  • Marchio Individuale: se appartiene a una singola impresa oppure ad una persona fisica (in genere è il caso più comune)
  • Marchio Collettivo: quando garantisce l’origine, la natura o la qualità di determinati prodotti o servizi. In genere è richiesto da un “soggetto proponente” che può essere una persona fisica o giuridica (generalmente si tratta di associazioni, cooperative o consorzi), per poi essere concesso in uso a quelle singole imprese che si impegnano a rispettare quanto stabilito nel regolamento d’uso.

I Marchi si suddividono, poi, in altre tre categorie specifiche.

 

  • Marchio verbale o denominativo: costituito solo da parole
  • Marchio figurativo: consiste in una figura o in una riproduzione di oggetti reali o di fantasia
  • il marchio misto o complesso: combinazione di parole e figure

 

 

Depositare un marchio: controlli ed analisi iniziali

Prima di cominciare, diamo per scontato che tu abbia studiato bene il tuo marchio o, meglio ancora, che ti sia rivolto a dei professionisti per realizzarlo con i dovuti criteri.

E’ importante affidarsi a degli esperti non solo per avere una realizzazione grafica di alta qualità ma anche per poter contare sulle giuste analisi preliminari ed indagini di mercato.

Infatti, una volta ideato il marchio, occorre verificare nei registri appositi che non esista già un marchio uguale al tuo, soprattutto nelle stesse categorie merceologiche d’interesse, che sono raccolte ed identificate secondo l’apposita classificazione di Nizza.

 

Deposito del marchio: procedura

Dopo questa fase di controllo e d’ideazione del marchio, devi valutare un altro aspetto molto importante.

Con questo deposito del tuo marchio vorrai tutelare il tuo prodotto/servizio solo in Italia o anche in altri Paesi esteri? In quest’ultimo caso i costi sono notevolmente superiori. Ma diciamo che per partire hai bisogno di registrare il tuo marchio sul territorio nazionale.

 

Vediamo le procedure per il deposito tramite modalità cartacea, la modalità più diffusa. Se vuoi puoi anche procedere online dal sito www.servizionline.uibm.gov.it.

 

Per presentare la domanda di registrazione del marchio d’impresa in Italia, in modalità cartacea e in qualsiasi Camera di Commercio è necessario produrre la seguente documentazione:

 

  • Documento di identità di tutti i richiedenti
  • Modulo C compilato (scaricalo da qui http://www.uibm.gov.it/attachments/article/2008436/Modulo%20MA-RI_CDC.pdf) e con il marchio inserito a pagina 4 (marchio in formato 7 cm altezza x 8 cm larghezza)
  • Eventuali fogli aggiuntivi per l’aggiunta di più classi del marchio
  • Copia del marchio in foglio A4
  • Marca da bollo da 16 € ogni 4 pagine
  • L’attestazione del Versamento alla CCIAA (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura). Vedi il sito internet della CCIAA provinciale http://www.xx.camcom.it, dove xx = sigla automobilistica della provincia. Questo versamento va effettuato con bollettino a tre tagliandi, il costo è di 40 € per la copia semplice oppure 43 € + una marca da bollo da 16 € per avere la copia autentica

 

 

Al momento della presentazione della domanda, riceviamo:

  • la copia dell’atto depositato (copia semplice o autentica)
  • una ricevuta emessa dal sistema informatico di avvenuta presentazione della domanda
  • ed in ultimo un fac-simile del modello F24 completo dei codici tributo necessari per effettuare il versamento delle concessioni governative e dei diritti a favore dell’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi). L’importo da pagare – in genere tramite l’apposita funzione per pagare gli F24 del nostro conto corrente online (home banking) – è di 101,00 € per la prima classe e di 34,00 € per ogni classe aggiuntiva (vedere la suddetta “Classificazione di Nizza”).

 

 

Marchio depositato e marchio registrato

Successivamente dobbiamo attendere un periodo di alcuni mesi per ricevere l’esito, anche se possiamo già sfruttare il marchio subito dopo il deposito come appunto “marchio depositato”.

Se non si presenteranno intoppi, riceveremo la comunicazione che il nostro “marchio depositato” (TM) è diventato a tutti gli effetti un “marchio registrato” (®).

 

In conclusione

Se volessi procedere da solo per il deposito di un tuo marchio queste sono tutte le procedure da seguire.

Se non hai tempo o se preferisci evitare errori puoi rivolgerti ad uno dei nostri consulenti, anche per un primo colloquio, senza impegno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *